Come scegliere una lampada

Scegliere la lampada più adatta a un determinato ambiente, sia esso di tipo residenziale o commerciale, è essenziale per creare l’atmosfera desiderata e per garantire il maggiore comfort possibile. Il termine “lampada”, molto generico, designa la maggior parte dei dispositivi e degli apparecchi di illuminazione, indipendentemente dalla forma, dal tipo di installazione e dall’uso previsto. Per aiutare il lettore nella sua scelta, questa guida all’acquisto fornisce informazioni e suggerimenti sui vari tipi di lampade.

Lampade: vedi i prodotti

  • Lampada: quale scegliere?

    Lampada a sospensione NORDLUX

    Lampada a sospensione NORDLUX

    I fattori da valutare per scegliere una lampada che risponda alle nostre esigenze sono diversi, e vanno dal tipo di lampada allo stile, passando per i materiali. In questa guida esamineremo i principali aspetti da considerare per fare la migliore scelta possibile.

    • Tipi di lampade
    • Dimensioni e installazione
    • Fonte luminosa
    • Materiali
    • Stili e tendenze
  • Quale lampada per quale tipo di illuminazione?

    Le lampade possono fornire diversi tipi di illuminazione. Sarà dunque in base al tipo di illuminazione che desideriamo ottenere e di atmosfera che desideriamo creare che faremo la nostra scelta.

    • L’illuminazione generale, detta anche illuminazione ambientale o luce ambientale, serve generalmente ad illuminare un intero ambiente in maniera uniforme e neutra.
    • L’illuminazione da lavoro, o “task lighting”, si caratterizza per una luce più intensa e mirata ed è destinata alla realizzazione di determinate attività, come leggere, cucinare o lavorare.
    • L’illuminazione d’accento (dall’inglese “accent lighting”) viene utilizzata per attirare l’attenzione su un’area specifica dell’ambiente, un mobile, un quadro, ecc.
    • L’illuminazione d’atmosfera, per finire, può svolgere il ruolo di illuminazione complementare a quella generale o servire a creare un’atmosfera più intima e rilassante.
  • Quale tipo di lampada scegliere?

    Come abbiamo già detto, esistono diversi tipi di lampade, che si distinguono tra loro in base alla loro destinazione d’uso e al tipo di installazione. Di seguito riportiamo i principali tipi di lampade insieme ad alcuni esempi di utilizzo.

    • Le lampade a sospensione, chiamate anche lampade a soffitto o, a seconda del modello, lampadari, vengono usate principalmente per l’illuminazione generale e possono avere un forte impatto sull’arredamento della stanza. Un lampada a sospensione di grandi dimensioni installata, ad esempio, sopra un tavolo da pranzo si impone facilmente come elemento decorativo centrale della sala da pranzo o cucina. Sopra l’isola della cucina potremo installare anche più lampade a sospensione, in maniera da illuminare e decorare l’ambiente allo stesso tempo.
    • Le lampade da tavolo vengono poggiate su tavoli, scrivanie o piani di lavoro. Hanno generalmente un diffusore e un braccio regolabili, che consentono di orientare la luce in un punto preciso. Nello scegliere una lampada di questo tipo ci assicureremo che le sue dimensioni siano adeguate all’area da illuminare.
    • Le lampade da comodino sono un tipo particolare di lampada da tavolo, e sono destinate, come lo dice il nome, ad essere poggiate sui comodini nelle camere da letto. Producono una luce meno intensa ma sufficiente, nella maggior parte de casi, per poter leggere a letto. Anche le lampade da comodino, di cui fanno parte molti modelli di abat-jour, dispongono di un diffusore e/o di un braccio regolabili.
    • Le lampade da ufficio, o lampade da scrivania, sono anch’esse un tipo particolare di lampade da tavolo. Come lo dice il nome, sono destinate ad essere poggiate o installate su una scrivania o comunque in ambienti di lavoro. Le lampade da ufficio sono generalmente orientabili nonché regolabili in altezza e permettono quindi di orientare la luce. Il tipo di illuminazione verrà scelto in funzione del tipo di lavoro da svolgere.
    • Le lampade da terra sono generalmente lampade alte, la cui base viene poggiata direttamente sul pavimento, spesso accanto a un divano o a una poltrona oppure in un angolo della stanza. La forma del piede, o base, varia notevolmente da un modello all’altro, ma la maggior parte delle lampade da pavimento ha il piede diritto, curvo (ad arco) o a forma di treppiede. Anche queste lampade possono avere una struttura orientabile e/o regolabile in altezza e/o in luminosità, nel qual caso permetteranno di effettuare attività di vario tipo, tra cui la lettura. Molte di queste lampade si distinguono per la loro forma particolarmente originale e il forte carattere decorativo. Tra le lampade da terra annoveriamo anche le lampade da pavimento, che non hanno un piede o che si distinguono per averne uno particolarmente corto e che vengono usate spesso per illuminare i sentieri nei giardini.
    • Le lampade portatili , per finire, sono particolarmente utili per illuminare aree in cui non esistono prese elettriche. I modelli da esterno sono la soluzione ideale per creare una luce d’atmosfera e decorativa nei giardini. Tra questi modelli troviamo anche le luci galleggianti per piscine, fontane e laghetti.

    Per gli spazi commerciali o comunque aperti al pubblico, opteremo invece per lampade particolarmente resistenti e conformi ai requisiti di sicurezza applicabili.

    Lampada portatile ROYAL BOTANIA

    Lampada portatile ROYAL BOTANIA

    Lampada a sospensione / da terra MARSET ILUMINACION

    Lampada a sospensione / da terra MARSET ILUMINACION

    Lampada da tavolo MADE BY HAND

    Lampada da tavolo MADE BY HAND

  • Cos’è importante sapere sulle dimensioni e sull’installazione di una lampada?

    Le dimensioni di una lampada devono essere proporzionate allo spazio disponibile e/o al mobile su cui verrà eventualmente collocata. Una lampada di grandi dimensioni in una stanza angusta o su mobile piccolo non sarà sicuramente di grande effetto. Le dimensioni principali da tenere in considerazione sono l’altezza della lampada stessa, il diametro o la larghezza del paralume o diffusore, e il diametro o la larghezza della base. Le lampade dotate di paralume non provocano abbagliamento e offrono maggiore comfort visivo.

    Nel caso delle lampade a sospensione, l’altezza della lampada sarà sicuramente la dimensione a cui presteremo maggiore attenzione. Una lampada a sospensione installata al centro di una stanza o di un corridoio dovrà trovarsi a non meno di 200 centimetri dal pavimento. Se invece la lampada in questione è destinata ad essere installata in cucina sopra un’isola o sopra un tavolo da pranzo, faremo in modo che rimanga a una distanza minima dal pavimento di 180 cm. Per ottenere un’illuminazione piuttosto uniforme, senza ombre o contrasti eccessivi, potremo anche installare diverse lampade a sospensione, a una distanza regolare l’una dall’altra, sopra l’isola della cucina.

  • Cos’è importante sapere sulle lampadine?

    Molti paesi stanno progressivamente abbandonando le tradizionali lampadine ad incandescenza per passare a lampadine a risparmio energetico, come i LED. I diversi tipi di lampadine, inoltre, producono luce diversa. Per questo, nello scegliere una lampada, verificheremo che sia compatibile con il tipo di lampadina, e quindi di illuminazione, che stiamo cercando.

    • Per informazioni su tensione, potenza e tipo di attacco della lampadina da acquistare, basterà consultare la documentazione tecnica della lampada.
    • Altri due criteri di scelta di una lampada potranno essere anche il numero di lampadine necessario per ottenere l’illuminazione desiderata e la loro difficoltà di accesso qualora debbano essere sostituite.
    • Chi sceglierà una lampada dimmerabile opterà naturalmente per una lampadina dimmerabile.
    • Le lampadine LED presenti sul mercato sono disponibili in diverse temperature di colore, espresse in kelvin (K). Le temperature più basse corrispondono a una luce calda e giallastra, come quella emessa dalle tradizionali lampadine a incandescenza (2.700 K), mentre le temperature più alte corrispondono a una luce bianca fredda, più vicina alla luce naturale (5.500 K).
    • Un altro fattore da tenere in considerazione è il flusso luminoso della lampadina, indicato in lumen (lm). 1.600 lumen, ad esempio, sono l’equivalente di una lampadina a incandescenza da 40 W. Le lampade dimmerabili sono la soluzione ideale per creare un’atmosfera accogliente e rilassante. Chi deve realizzare lavori di precisione, tuttavia, opterà per lampadine più potenti.
  • Cos’è importante sapere sui materiali di fabbricazione delle lampade?

    Lampada da terra in ottone DELIGHTFULL

    Lampada da terra in ottone DELIGHTFULL

    Le lampade vengono prodotte in un’ampia varietà di materiali. La scelta del materiale dipenderà principalmente dallo stile dell’arredamento preesistente e dai materiali già presenti nella stanza. Di seguito proponiamo alcune informazioni che potrebbero aiutarvi a scegliere il materiale più adatto.

    • Tra i materiali più comunemente utilizzati nella produzione di lampade troviamo diversi tipi di metalli, il vetro, le materie plastiche, la stoffa, il legno, la ceramica e la pietra.
    • Le lampade realizzate in materiali come carta, plastica e tessuto sono generalmente non solo più leggere, ma anche più economiche di quelle in metallo, legno o vetro.
    • La qualità costruttiva e delle finiture influisce ovviamente sulla durata di vita della lampada, nonché sulla sua robustezza e sul suo aspetto.
    • Nel caso delle lampade a sospensione sarà importante assicurarsi che l’installazione esistente sia in grado di sostener il peso della lampada, in particolare qualora si tratti di un lampadario classico o di una lampada realizzata in materiali pesanti, come vetro, pietra, cristallo e ottone.
  • Quali sono i diversi stili di lampade? Quali sono le ultime tendenze?

    A seconda dello stile dell’arredamento potremo optare per una lampada dal design più classico o più moderno. Prima di prendere una decisione, inoltre, valuteremo attentamente le ultime tendenze.

    Le lampade classiche, così come le lampade in stile sono realizzate con tecniche e materiali più tradizionali, come ottone, vetro, stoffa, cristallo e legno scolpito, e offrono una scelta limitata in termini di colori.

    Le lampade moderne comprendono una gamma di stili diversi che vanno dallo stile industriale a quello minimalista, dal design organico al design originale. Molte lampada in stile moderno sono prodotte con tecniche relativamente nuove, come il taglio laser e il rotostampaggio, usando materiali sintetici come i polimeri e i materiali compositi.

    Qui di seguito alcune delle ultime tendenze in fatto di lampade:

    • Lampade in stile industriale, che imitano gli apparecchi di illuminazione usati tradizionalmente nelle fabbriche.
    • Lampade minimaliste in legno, metallo e/o vetro, che si caratterizzano per forme geometriche semplici.
    • Lampade con struttura geometrica in filo metallico.
    • Finitura color oro opaco o nera.
    • Materiali sostenibili, come legno, rattan e bambù.

    Un’altra grande tendenza sono le lanterne e le lampade ricaricabili portatili, che comprendono i modelli impermeabili per esterni. Per finire, alcune lampade integrano tecnologie recenti, come altoparlanti Bluetooth, comandi tattili o sensori a infrarossi.

    Lampada con altoparlante KOODOO

    Lampada con altoparlante KOODOO

    Lampada da esterno SITTING BULL

    Lampada da esterno SITTING BULL

    Lampada moderna JANGIR MADDADI

    Lampada moderna JANGYR MADDADI

Guide correlate
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.