Come scegliere una carta da parati

Per decenni la carta da parati ha ricevuto scarsa attenzione sia da parte dei decoratori che del grande pubblico. Da qualche anno, tuttavia, è riapparsa nei negozi di arredamento di tutto il mondo suscitando nuovamente grande interesse. Più facili da applicare e da pulire rispetto al passato, le moderne carte da parati sono realizzate spesso in materiali innovativi e si caratterizzano per la grande varietà e originalità dei loro motivi ornamentali. Questi rivestimenti murali possono essere suddivisi in tre categorie principali: carte da parati in stile moderno, classico e d’epoca.

 

Carte da parati: visualizza i prodotti

  • Quali sono i diversi tipi di carta da parati?

    Esistono diversi tipi di carta da parati. La scelta del modello più adatto alle vostre esigenze dipenderà da numerosi fattori, come il gusto personale e la facilità di applicazione del prodotto.

     

    La carta da parati classica è composta unicamente di cellulosa. Il suo peso al m2 è un buon indicatore di qualità: maggiore è il peso, migliore sarà la qualità della carta in questione. Per la posa di questo tipo di carta, sarà necessario applicare uno strato di colla sul lato posteriore della stessa.

    Carta da parati classica della marca Papiers de Paris

    La carta da parati TNT è un rivestimento murale costituito da uno strato di poliestere e cellulosa rivestito da una pellicola vinilica. È più resistente all’umidità ed è particolarmente adatta agli ambienti umidi, come il bagno. Inoltre, essendo più spessa della carta da parati tradizionale, può essere facilmente applicata anche su pareti la cui superficie presenti delle irregolarità. Per quanto riguarda la posa, sappiate che se usate questo tipo di carta potrete applicare la colla direttamente sul muro invece che sulla carta stessa e che la posa, di conseguenza, sarà più rapida. Per stendere il materiale adesivo sulla carta, infatti, è necessario procurarsi un tavolo di grandi dimensioni e spalmare la colla pezzo per pezzo.

    Carta da parati in TNT della marca LGD01

    La carta da parati in vinile si distingue dagli altri modelli perché contiene un sottile strato di PVC. È particolarmente resistente e completamente impermeabile ed offre una buona resistenza alla luce. Per tutte queste ragioni, rappresenta un’opzione valida per tutti gli ambienti della casa. Ma attenzione: la lucentezza di questo tipo di carta tende ad accentuare l’eventuale irregolarità della superficie su cui è applicata. Qualora i muri della stanza in questione non siano lisci, di conseguenza, sarà preferibile scegliere una carta da parati TNT.

    La carta da parati in vinile espanso è simile alle altre carte da parati in vinile, ma se ne distingue per avere una superficie in rilievo. Tale rilievo viene ottenuto grazie ad appositi inchiostri che reagiscono al calore e viene detto “termorilievo”. Lo spessore di questa carta da parati la rende ideale per pareti dalla superficie molto irregolare.

    La carta da parati in velluto floccato si contraddistingue invece per i suoi motivi, ottenuti per floccaggio, ossia tramite applicazione di fibre sintetiche su un supporto ricoperto di colla.

    La carta da parati in paglia, o paglia giapponese, è un rivestimento murale costituito da uno strato di paglia, bambù o rafia incollato su supporto di carta. La qualità di questa carta da parati, spesso realizzata a mano, può variare molto da un lotto all’altro, soprattutto in termini di colore. Di conseguenza, per ricoprire uno stesso ambiente vi raccomandiamo vivamente di utilizzare lo stesso lotto.

    La carta da parati metallizzata è costituita da uno strato metallico fissato ad un supporto cartaceo. Anche questi modelli possono essere a tinta unita o presentare dei motivi. Inoltre, sono facili sia da pulire, con una spugna umida, sia da rimuovere. Per rimuovere questo tipo di carta dovrete per prima cosa staccare a secco lo strato metallizzato, mentre lo strato cartaceo dovrà essere staccato in un secondo tempo usando acqua calda o vapore. L’aspetto lucido e liscio della carta metallizzata riflette bene la luce e risponde a un gusto decisamente moderno, ma mette in risalto le eventuali imperfezioni della parete.

    Carta da parati metallica della marca BIANCHI LECCO SRL

  • Quali sono i principali criteri di scelta di una carta da parati?

    Le caratteristiche principali delle carte da parati sono solitamente specificate sulla loro confezione. Proprio perché ogni carta da parati ha caratteristiche proprie, per prima cosa dovrete verificare che siano compatibili con l’ambiente da rivestire. I cinque principali fattori da considerare sono la lavabilità, la resistenza alla luce, il tipo di connessione, il tipo di incollaggio e la facilità di rimozione.

    Sulla confezione della vostra carta da parati troverete anche un’altra indicazione molto importante: il bagno di tintura del rotolo, indicato da un numero. Per avere la certezza che i rotoli abbiano esattamente lo stesso colore, assicuratevi che il numero indicato sulle confezioni sia lo stesso. Per le carte di fabbricazione artigianale, come la paglia giapponese, questa raccomandazione è ancora più importante. Prendere una precauzione del genere vi eviterà di incorrere in variazioni di formato, colore e qualità.

    Un altro elemento importante che influenzerà l’aspetto finale della carta da parati, ma anche la sua facilità di applicazione e la sua resistenza nel tempo, è il tipo di colla. Per evitare inconvenienti, assicuratevi quindi di acquistare una colla adatta al modello che desiderate applicare.

  • Come pulire la carta da parati?

    La manutenzione della carta da parati dipende dal tipo stesso di carta. Prima della pulizia propriamente detta, tuttavia, vi consigliamo di cominciare con lo spolverare le pareti.

    Per pulire le carte da parati lavabili potete utilizzare una spugna inumidita con acqua saponata. Evitate invece di usare una spugna gocciolante perché la carta rischierebbe di impregnarsi d’acqua: il fatto che sia lavabile, infatti, non significa necessariamente che sopporti il contatto con grandi quantità di liquidi. Dopo aver passato la spugna, sarà opportuno assorbire l’eccesso di acqua con un panno asciutto e lasciare che la carta da parati si asciughi. Infine, per evitare che l’acqua sporca goccioli, vi consigliamo di procedere dal basso verso l’alto.

    Per quanto riguarda le carte da parati in vinile da un lato, e quelle in paglia o in carta laminata dall’altro, vi consigliamo di pulire le prime usando una spugna umida e di limitarvi a spolverare le seconde usando una spazzola o un’aspirapolvere.

  • Quale carta da parati per quale stanza?

    Essendo le più resistenti all’umidità, le carte da parati in vinile rappresentano una scelta pressoché obbligata per gli ambienti umidi. Se invece la parete che desiderate rivestire presenta delle irregolarità, vi consigliamo di evitare le carte da parati sottili. In questo caso, vi suggeriamo di utilizzare delle carte non tessute o in vinile espanso, entrambe molto spesse, proprio perché attenuano le irregolarità aumentando l’effetto di armonia tra le pareti. 

    In linea generale, le carte da parati che mascherano queste imperfezioni tendono anche a riflettere in un modo particolare la luce e a modificare quindi la percezione dello spazio. Anche l’esposizione di una stanza è un fattore di cui è opportuno tenere conto: applicare una carta da parati dai colori caldi, ad esempio, può mettere in valore le stanze rivolte a nord, che sono generalmente più buie. Per giocare sulla percezione delle dimensioni, vi suggeriamo di scegliere dei modelli a righe: le strisce verticali, ad esempio, danno l’impressione che il soffitto sia più alto 

    Per finire, tenete presente che i motivi di grandi dimensioni possono risultare opprimenti, soprattutto se la stanza è piccola 

  • Quali sono le ultime tendenze?

    La carta da parati ha fatto il suo ritorno in pompa magna nel 2018 con motivi audaci e innovativi, tra cui citiamo quelli di ispirazione tropicale, che sono molto alla moda in questo momento. Secondo la rivista Vogue, nel 2019 le migliori carte da parati sono state proposte da Cole & Son, Elitis, Farrow & Ball, Hermès, Le Monde Sauvage, Nobilis, Ressource e Pierre Frey.

    Oggi, inoltre, esistono carte da parati pensate appositamente per il bagno, le quali, grazie ad una colla speciale, resistono molto bene all’umidità. Tra le altre tendenze del mercato, ricordiamo le carte da parati rimovibili, fosforescenti e termoattive.

Guide correlate
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *