Come scegliere un tavolo da pranzo

Non sempre è facile trovare un tavolo da pranzo adatto alle nostre esigenze, al nostro gusto, nonché allo spazio e al budget di cui disponiamo. In questa guida analizziamo gli aspetti più importanti da tenere in considerazione per fare la scelta migliore, sia che il tavolo sia destinato ad arredare il soggiorno o la cucina di un privato oppure un bar, un hotel o un ristorante.

Tavolo da pranzo: vedi i prodotti

  • Tavolo da pranzo: quale scegliere?

    Tavolo da pranzo SANGIACOMO

    Tavolo da pranzo SANGIACOMO

    Per scegliere un tavolo da pranzo dovremo necessariamente valutare diversi fattori, come ad esempio la sua forma e le sue dimensioni. L’obiettivo, naturalmente, è che il tavolo in questione risponda alle nostre esigenze, che sia adatto all’ambiente in cui verrà collocato e che non ostruisca il passaggio. Anche il materiale e la tecnica di costruzione sono criteri di scelta importanti in quanto da essi dipenderanno in buona parte la resistenza, la durata e il prezzo del tavolo.

  • Quale forma scegliere per un tavolo da pranzo?

    I modelli che trovano maggior impiego sono sicuramente quelli rettangolari, rotondi, ovali e quadrati.

    • I tavoli da pranzo rettangolari sono i più venduti in assoluto e ne esistono di piccole, medie e grandi dimensioni. Il tavolo rettangolare è sicuramente la soluzione ideale per accogliere più persone, ma non solo. A parità di numero di posti a sedere, essendo più stretti dei modelli rotondi o quadrati, i tavoli rettangolari occupano anche meno spazio e riducono la distanza tra le persone sedute l’una di fronte all’altra.
    • I tavoli da pranzo rotondi, oltre a facilitare la circolazione nella stanza, garantiscono che tutte le persone sedute si possano vedere tra di loro e non siano troppo distanti. Poiché contribuiscono a creare un’atmosfera più conviviale, che favorisce le conversazioni di gruppo, rappresentano una scelta eccellente per i banchetti. Questo tipo di tavolo è particolarmente adatto per gruppi composti da non più di sei persone.
    • I tavoli da pranzo quadrati, come quelli rotondi, permettono agli ospiti di sedersi ad eguale distanza gli uni dagli altri, ma la forma geometrica stessa fa sì che ai tavoli quadrati più grandi, per otto o più persone, le persone sedute si trovino ad essere distanti tra loro. Per questo motivo, oltre che per il loro ingombro notevole, i modelli quadrati di grandi dimensioni sono poco comuni e alla maggior parte dei tavoli quadrati in commercio possono sedersi fino a quattro persone.
    • I tavoli da pranzo ovali rappresentano un eccellente compromesso tra tavoli rettangolari e rotondi. La loro forma allungata è particolarmente adatta alle stanze di forma rettangolare, mentre gli angoli arrotondati facilitano la circolazione intorno al tavolo e offrono maggiore libertà nella disposizione dei posti a sedere.

    La forma del tavolo andrà scelta in funzione della forma della stanza anche per evitare che quest’ultima sembri ingombra, ossia per ottenere una sensazione complessiva di spazio e armonia. Qualora lo spazio sia limitato o, ad esempio, qualora la stanza sia lunga e stretta, sarà preferibile optare per un tavolo ovale o rettangolare, che sistemeremo al centro della stanza. I tavoli rotondi o di forma quadrata, invece, arrederanno di preferenza ambienti più spaziosi. I modelli con almeno un lato diritto, inoltre, come ad esempio i tavoli quadrati, rettangolari e con ribalte, presentano il vantaggio di poter essere collocati contro un muro. In ristoranti e bar che ricevono molti clienti e sono spesso affollati, opteremo invece di preferenza per più tavoli di piccole dimensioni. A questo proposito ricordiamo che i tavoli rotondi lasciano più spazio per la circolazione degli avventori, mentre i tavoli quadrati e rettangolari hanno il vantaggio di poter essere uniti e di poter accogliere in questo modo un numero variabile di persone.

    Tavolo da pranzo rotondo ANGEL CERDA

    Tavolo da pranzo rotondo ANGEL CERDA

    Tavolo da pranzo quadrato MODLOFT

    Tavolo da pranzo quadrato MODLOFT

    Tavolo da pranzo rettangolare SKOVBY

    Tavolo da pranzo rettangolare SKOVBY

  • Come scegliere le dimensioni giuste per un tavolo?

     Tavolo da pranzo con ribalte FINN JUHL

    Tavolo da pranzo con ribalte FINN JUHL

    Qui di seguito alcuni consigli per scegliere le dimensioni di un tavolo da pranzo.

    Calcolare lo spazio disponibile

    Tra il tavolo e i mobili, o tra il tavolo e il muro, è importante lasciare almeno 90-120 cm, ossia abbastanza spazio sia per muoversi intorno al tavolo che per spostare le sedie per sedersi e alzarsi.

    Scegliere il numero di posti a sedere

    Tra un posto a sedere e l’altro è consigliabile lasciare almeno 60 cm di spazio, in modo che tutte le persone sedute a tavola possano godersi il proprio pasto comodamente. Anche la posizione delle gambe del tavolo o, a seconda dei modelli, del supporto centrale, andrà tenuta in considerazione affinché ogni persona abbia sufficientemente spazio per le gambe. Il numero massimo di posti a sedere è generalmente indicato dall’azienda che produce il tavolo ma, qualora non lo sia, non esiteremo a chiedere questa informazione. Se il tavolo che ci apprestiamo a comprare è destinato a una struttura commerciale, verificheremo anche che rispetti gli standard previsti dalla normativa in vigore, ad esempio in fatto di spazio tra i clienti.

    Scegliere se optare per un tavolo modulare oppure no

    Chi riceve ospiti a pranzo o cena occasionalmente potrà optare per un tavolo da pranzo allungabile o un tavolo da pranzo pieghevole. Ci si assicurerà tuttavia di avere abbastanza spazio per far entrare il tavolo nella stanza e per aprirlo.

    Scegliere le sedie con attenzione

    La forma delle sedie inciderà sul numero di persone che potranno sedersi comodamente al tavolo. Potremo anche optare per panche o sgabelli individuali, che permettono di far sedere più persone al tavolo ma non offrono lo stesso comfort di una sedia.

  • Quali sono i migliori materiali per un tavolo da pranzo?

    Molti tavoli moderni hanno il piano in un materiale e la struttura (piedi o base) in un altro. La maggior parte dei piani, ad esempio, sono realizzati in legno massiccio, laminato, metallo o vetro. Affinché un tavolo duri nel tempo nonostante un uso frequente o addirittura quotidiano, e affinché lo si possa spostare spesso senza danneggiarlo, oltre al materiale dovremo prestare attenzione alla qualità delle finiture e delle giunture. Un caso particolare è quello dei tavoli da pranzo per esterni, che sono realizzati generalmente in materiali resistenti alle intemperie o che hanno subito appositi trattamenti. È il caso, ad esempio, dei tavoli in metallo con un rivestimento di vernice a polvere.

     Tavolo in vetro LOLA GLAMOUR

    Tavolo in vetro LOLA GLAMOUR

    • tavoli da pranzo in legno massiccio continuano ad essere tra i più ricercati, soprattutto perché il colore naturale del legno si abbina con un’ampia gamma di stili decorativi. Generalmente più robusti e longevi di altri modelli, i tavoli in legno massiccio possono anche essere restaurati con pittura, olio o vernice. In alternativa al legno massiccio, potremo optare per un modello in compensato o impiallacciato.
    • I tavoli da pranzo in laminato conservano l’aspetto del legno ma sono disponibili in una maggiore varietà di design, colori e finiture. Il laminato è generalmente più economico e più facile da pulire del legno massiccio, e anche la sua manutenzione è più semplice, ma può deteriorarsi con l’uso. La durata del tavolo dipenderà in buona parte dalla qualità del rivestimento e da come questo aderisce al materiale centrale (anima).
    • I tavoli da pranzo in metallo sono una soluzione perfetta per chi voglia creare un ambiente in stile industriale. Per evitare graffi e ammaccature, tuttavia, sarà opportuno scegliere un prodotto di qualità.
    • I tavoli da pranzo in vetro sono generalmente trasparenti e sottili e apportano un tocco di eleganza e delicatezza. Le impronte che le dita lasciano sul vetro, però, sono facilmente visibili. Il vetro, inoltre, può scheggiarsi o incrinarsi a causa di un impatto o qualora venga a contatto con un oggetto molto caldo.

    Per finire, considereremo anche l’impatto visivo che il design e i materiali del tavolo avranno sull’ambiente circostante. Per esempio, un tavolo con un piano di vetro e gambe in metallo sottili permetterà allo sguardo di spaziare più liberamente, mentre un tavolo di legno con gambe spesse apparirà più grande e pesante e darà l’impressione di occupare più spazio.

  • Quale stile scegliere per un tavolo da pranzo?

    La scelta dello stile del tavolo dipenderà principalmente dall’arredamento dell’ambiente in cui intendiamo collocarlo, il che non significa che dovremo necessariamente optare per lo stesso stile. Al contrario, scegliere un tavolo realizzato in uno stile diverso può produrre un piacevole effetto di contrasto.

    La maggior parte dei tavoli da pranzo classici e dei tavoli da pranzo d’epoca sono costruiti utilizzando tecniche artigianali e in materiali pregiati, come il legno, la pietra o il metallo. I tavoli da pranzo d’epoca, in particolare, possono essere semplici o molto elaborati, a seconda dello stile e delle tecniche dell’epoca.

    I tavoli da pranzo moderni sono disponibili in una gamma molto più ampia di materiali, colori e design rispetto ai tavoli classici. Chi cerca un arredo che attiri l’attenzione potrà optare per un tavolo dal design originale.

  • Quali altre caratteristiche è opportuno valutare quando si sceglie un tavolo da pranzo?

    La configurazione della base del tavolo, la modularità del tavolo e le certificazioni ecologiche sono alcune delle opzioni che ci possono interessare. Chi deve arredare ristoranti o ambienti poco spaziosi opterà probabilmente per tavoli facili da spostare e meno ingombranti, come tavoli pieghevoli, tavoli su rotelle o tavoli impilabili. Chi, invece, desidera acquistare un tavolo realizzato in materiali sostenibili e rispettosi dell’ambiente, cercherà un prodotto eco-friendly con label  VOC-free (senza composti organici volatili), realizzato in legno certificato FSC o PEFC, ecc.

Guide correlate
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.